Sport a ogni età: quali e quando svolgerli

Lo sport fa bene alla salute, medici e specialisti da anni asseriscono quanto sia importante e vitale praticare attività fisica a ogni età, sì, ma con le dovute raccomandazioni.

Lo sport e il movimento in generale dovrebbero iniziare fin dalla tenera età, affermano gli esperti della salute, abituare i più piccoli a praticare esercizio fisico, permetterà agli stessi di svolgere attività fisica senza alcun problema dovuto alla consuetudine, per loro sarà naturale praticare sport e non avranno difficoltà a cominciare; inoltre si allontaneranno problematiche relative l’obesità e quindi al peso in eccesso, oltre a evitare l’insorgere di altre patologie, quali per esempio ipertensione, diabete e colesterolo alto nel loro futuro.

I bambini fin dall’età di cinque anni, praticando sport migliorano la loro postura fisica, rinforzano i muscoli e il sistema scheletrico; alcuni studi hanno anche affermato e dimostrato che praticare esercizio fisico a ogni età, non solo migliora la salute in generale dell’individuo, ma allontana depressione, stati ansiosi e stress.

Sport per i più piccoli

La prima fascia di età di riferimento è quella compresa tra i 0 e i 10 anni circa. Nei primissimi anni di vita il bambino deve essere abituato a praticare sport, meglio se trattasi di attività che interessano tutto il fisico; quindi attività che li coinvolgano anche in squadra e che li facciano interagire con altri coetanei.

Sì agli sport all’aria aperta, per favorire e incentivare la creatività del bambino. Alcuni esperti consigliano anche di far svolgere due differenti attività per aiutare a migliorare la completezza del fisico, come ad esempio nuoto e tennis, o calcio e pallavolo o che interessano tutti gli arti e l’intero fisico.

Trascorsi questi anni, già dai 10 anni in poi fino ai 40 circa, si possono praticare tutte le attività che si desidera purchè siano correlate allo stato di salute del soggetto. Non esiste uno sport migliore, ma solo quello che meglio si sposa con gusti e predisposizione personale; il discorso cambia se si deve svolgere attività motoria con l’intento di dimagrire.

In questo ultimo caso si devono preferire attività aerobiche e acquatiche come il nuoto, idrobike, acquagym e corsa o anche bicicletta. Queste attività coinvolgono tutto il corpo, e se hai gravi problemi di peso, si suggerisce di praticare lo sport acquatico, in quanto si evita di sovraccaricare le articolazioni.

Le palestre e i centri sportivi oggi presentano e offrono tante varietà di scelta; sono numerosi i corsi di ginnastica di vario genere e anche di danza che si possono frequentare; anche i meno affini allo sport possono individuare l’attività motoria con la quale dedicarsi al movimento. Ci sono divertenti corsi di aerobica, danza caraibica e tanti altri ancora.

Lo sport in terza età dopo i 40 e i 65 anni

I quarant’anni non segnano sicuramente la terza età, ma comincia a essere un momento particolare nella vita di un soggetto, soprattutto se questo non ha mai svolto sport ed è necessario attivarsi per preservare la salute dell’organismo. Il metabolismo comincia a cambiare e soprattutto le donne devono affrontare le problematiche collegate alla menopausa che si avvicina.

Chi non mai praticato sport è bene che si avvicini ad attività soft, come corsi di ginnastica dolce praticata soprattutto dagli over 65enni fino ai 90, ma questi possono anche nuotare, andare in bicicletta, svolgere anche la corsa, che è uno sport completo e che aiuta soprattutto i soggetti che intendono perdere peso, purchè tutto sia sempre strettamente sotto controllo medico.

This entry was posted in salute. Bookmark the permalink.

Comments are closed.